Tempo di lettura: 10 minuti

Perché una mosca nel petfood potrà migliorare la salute del tuo animale domestico.

In questo post scoprirai le meraviglie nutrizionali di Hermetia illucens: la mosca soldato (in inglese Black soldier fly o BSF). Imparerai anche come l’utilizzo di una mosca nel petfood sia fondamentale per la salute del tuo pet e dell’ambiente.

Hermetia illucens: le meraviglie nutrizionali di una mosca nel petfood.

Hermetia illlucens (mosca soldato) é una piccola mosca originaria delle Americhe.

Tranquillo, non ti annoierò con noiosi termini zoologici.

Voglio fare giusto alcuni cenni per inquadrare la situazione. 

Altrimenti la mia professoressa di zoologia mi mangia vivo.

Oggi, possiamo trovare la mosca soldato anche nelle regioni tropicali e temperate, ma la sua mancanza di resistenza al freddo ne blocca l’invasione di alcune regioni del Nord Europa.

La mosca soldato fa parte dell’ordine dei Ditteri e della famiglia degli Stratiomyidae.

Bene, fatte le presentazioni parliamo di cose serie.

Sei pronto? Si comincia.

Gli adulti di mosca soldato consumano solo acqua, non si avvicinano agli umani, non mordono, non pungono e non sono portatori di malattie specifiche.

Il loro ciclo vitale prevede solamente la deposizione delle uova e poi la morte.

Solo leggendo queste informazioni, immagino che la mosca soldato ti stia già simpatica. 

Altro che la solita mosca domestica rompiscatole.

Una mosca nel petfood: il segreto per migliorare la salute del tuo animale domestico.

Voglio dirti la verità!

Al giorno d'oggi, le conoscenze scientifiche a nostra disposizione ci permettono realmente di migliorare la salute generale dei nostri animali domestici.

Scommetto che il segreto per ottenere quest'obbiettivo l'hai già compreso.

Esatto! Nutrire i nostri pet con un mangime a base d'insetti.

In tutta Europa stanno nascendo aziende che si occupano dell'allevamento e della lavorazione di queste meraviglie nutrizionali.

All'inizio del 2018, è entrato in vigore il regolamento dell'Unione Europea sui novel food, che stabilisce come sicura un'alimentazione a base d'insetti anche per l'uomo.

Ti garantisco, poi, che gli standard di allevamento e produzione sono davvero alti.

Il motivo è semplicissimo. 

Le autorità europee e delle rispettive nazioni hanno tutti gli occhi puntati sulle aziende che si occupano di questi alimenti.

Giustamente aggiungerei, essendo un alimento ancora sconosciuto per la maggior parte delle persone del vecchio continente.

Attenzione! 

Una mosca nel petfood del tuo animale domestico non ti assicura che il mangime comprato sia davvero di qualità, ma ti dà qualche garanzia in più sulle materie prime utilizzate.

Tra pochissimo scopriremo quali sono queste garanzie.

La mosca soldato e le sue larve (BSFL, black soldier fly larvae) sono una delle specie d'insetti che attualmente vengono utilizzate per la produzione di petfood.

Il rapporto di conversione del mangime, da parte di questi insetti è di molto superiore a quello dei grilli e a quello dei vermi della farina.

Se vuoi sapere cos'è il rapporto di conversione, ne parlo nello specifico qui.

Il loro tempo di sviluppo larvale è di oltre tre settimane più lungo di quello di altre mosche (in media 5 giorni), il che significa che una singola larva consumerà una maggiore quantità di cibo fornito e produrrà pupe più grandi.

Le BSFL, poi, possono accumulare lipidi nel corpo se alimentate con una dieta adeguatamente ricca di essi. 

Ad esempio, integrando la dieta delle larve con frattaglie di pesce si ottengono pupe arricchite di acidi grassi omega-3 e omega-6.

Inoltre, è possibile provocare l’effetto contrario: ottenere larve povere di grassi per la produzione di cibo dietetico.

Se sei rimasto sorpreso è normale, ma ti dirò di più non è ancora finita!

Alcuni studi, hanno dimostrato che le BSFL non sembrano accumulare micotossine (tossine dei funghi), come le aflatossine, né pesticidi, come  il clorpirifos, o altri prodotti farmaceutici, come gli antibiotici.

mosca nel petfood

Lascia perdere i nomi complicati, sappi solo che stiamo parlando di sostanze molto tossiche.

Ok, scusa per la carrellata di informazioni.

Sono fondamentali per chiarire fin da subito un concetto.

Una mosca nel petfood potrebbe prevenire l'insorgenza di numerose patologie nei nostri pet.

I motivi sono due:

  • una mosca nel petfood consente di ottenere un mangime dal potere nutrizionale incredibile,
  • una mosca nel petfood consente di ottenere un mangime virtualmente privo di contaminanti come gli antibiotici che si usano negli allevamenti tradizionali.

Ora vediamo perché!

Una mosca nel petfood: il concetto di biomagnificazione.

Immagina che una sostanza tossica venga introdotta, a causa di un incidente, in un ecosistema.

Cosa credi che possa accadere?

Inizialmente, la tossina potrà essere assorbita dal suolo e dagli organismi vegetali presenti (ad esempio l’erba e le alghe). 

Questi organismi possono accumulare una certa quantità di sostanza tossica senza morire.

Questo meccanismo si definisce in termini ecologici bioaccumulo.

Successivamente, un organismo erbivoro (ad esempio un coniglietto) si ciberà di questi organismi vegetali contaminati e a sua volta potrà accumulare una quantità di tossina superiore, perché mangerà più volte e da piante diverse.

Procedendo di questo passo, l’organismo che si trova allo scalino superiore della catena alimentare (ad esempio un lupo) concentrerà ulteriormente la quantità di sostanza tossica nel proprio organismo.

Il meccanismo è facilmente comprensibile se pensi all'ecosistema marino: c'è sempre un pesce più grande, che mangia il piccolo.

Il ciclo si ripete, così, fino ad arrivare ai vertici e quindi all’uomo o al pet.

Questo fenomeno, che avviene lungo la piramide alimentare, viene definito in ecologia biomagnificazione.

Con la mosca soldato il problema viene notevolmente ridotto, perché si saltano molti step della catena alimentare. 

L'allevamento di questi insetti, quindi, consente di ottenere un petfood praticamente privo di inquinanti ambientali.

Le BSFL si nutrono di un'immensa varietà di materiale come paglia, riso, grani di luppolo, miglio e altri cereali.

Tutti questi vantaggi rendono le BSFL anche adatte per valorizzare gli scarti. 

La mosca soldato è quindi ottima per rendere l’alimentazione animale più eco-sostenibile e sicura.

No, che schifo, sarebbe come dar da mangiare al mio pet quegli scarti!

Pensiero lecito, certo, ma devi sapere che la materia organica si continua ad auto-riciclare nell’ambiente.

Per spiegarmi meglio, voglio raccontarti un breve episodio, avvenuto durante una lezione di ecologia all’università.

Una mosca nel petfood: la legge di conservazione della massa.

Durante la spiegazione dei cicli della materia organica il proff. ci fece una domanda alquanto bizzarra.

‘‘Mi sapreste dire come può essere finita la componente organica (formata da elementi come carbonio, fosforo e azoto), contenuta nel corpo dell’ormai defunta nonna Adele, nella fibra muscolare della zampa di un coyote?’’

La risposta più ovvia - che il coyote si fosse mangiato la nonna -  era ovviamente sbagliata.

Il proff. ci disse che la materia organica del corpo, dopo la morte, viene distrutta dagli organismi decompositori (batteri, funghi e altri microrganismi) che la utilizzano come nutrimento.

Successivamente, le stesse molecole vengono assorbite e fissate dalle piante.

Le larve di mosca soldato, quindi, sono solo un frammento del possibile percorso ciclico della materia organica, il quale sarebbe proseguito chiudendosi ugualmente in altri modi.

Potresti pensare a questo concetto paragonando la materia organica ai LEGO e quindi gli esseri viventi a complessi di mattoncini.

Ogni pezzetto rappresenta molecole organiche che compongono l’intero organismo.

Prima o poi, tutti i complessi verranno scomposti in molti mattoncini (moriranno e gli organismi decompositori faranno il loro lavoro).

I mattoncini potranno essere usati per la costruzioni di nuovi organismi e, chissà, magari tra qualche centinaio di anni anche gli atomi che formano il tuo corpo ed il mio potranno formare la fibra muscolare di un coyote.

Le piante sono mangiate dai conigli, che a loro volta sono il pranzo preferito dei  coyote.

Il tutto può avvenire in qualche decina d’anni.

Affascinante, non trovi?

Siamo tutti costituiti da molecole provenienti da migliaia di organismi vissuti decine, centinaia o addirittura migliaia di anni fa.

"Nulla si crea, nulla si distrugge, tutto si trasforma." - Antoine Lavoisier

Prima di continuare voglio chiederti un piccolo favore.

Questo post è più lungo di 2000 parole e la sua stesura ha richiesto parecchi giorni di lavoro. 

Se le informazioni che hai appreso finora ti sono state utili, dona un like per Kibble o un + 1, cliccando sui pulsanti qui sotto.

Per te sarà un operazione semplicissima, mentre per me sarà fonte di grande soddisfazione.

La mosca nel petfood e l'entomofagia.

L'entomofagia, che significa consumo di insetti nella dieta, è stata praticata dall'uomo in ogni continente abitato.

Non solo nell’antichità, ma anche ai giorni nostri.

Gli insetti, in particolare la mosca soldato, hanno un ruolo predominante nelle cucine di alcune culture contemporanee, mentre in altre sono visti come un tabù.

Oltre ad essere deliziosi, se preparati correttamente, gli insetti sono ricchi di proteine, grassi buoni e alcuni oligoelementi.

I grandi vantaggi, rispetto alle altre carni di animali, sono il loro minore impatto ambientale e il loro maggiore potenziale nutrizionale.

La mosca soldato, come del resto tutti gli insetti, presenta un rapporto di conversione di massa molto basso.

Trasforma quasi la totalità del cibo ingerito in massa corporea.

In aggiunta, l’allevamento di queste meraviglie sostenibili produce meno gas serra e minori emissioni di ammoniaca di qualsiasi altro bestiame convenzionale.

Se vuoi approfondire, ti consiglio di leggere Cosa sai veramente degli insetti in campo alimentare?

Una mosca nel petfood: allevamento e sviluppo della mosca soldato.

Esiste anche un regolamento europeo che parla dell’alimentazione delle larve di mosca soldato.

L'Europa ha regole molto severe sugli insetti come "novel food". 

Prima che essi possano essere commercializzati come cibo devono subire numero si controlli.

Non perché siano più rischiosi di altre materie prime.

Sono anni che L'EFSA (l'autorità europea per la sicurezza alimentare), ha stabilito come sicuri per l'alimentazione umana ed animale alcuni insetti (ad esempio la mosca soldato).

Semplicemente perché una mosca nel petfood, o nel piatto, se così vogliamo vederla, è una novità. 

Anche una ricerca di FAOLEX, la banca dati dell'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura, identifica la mosca soldato come sicura per la produzione di mangimi per pet e animali da allevamento.

Nello stesso documento si impongono delle restrizioni sul cibo utilizzato per l'allevamento della mosca soldato.

  • Deve contenere prodotti di origine non-animale o, al massimo, una serie limitata di prodotti animali come farina di pesce, grassi, sangue e gelatina di non ruminanti, latte, uova e miele.
mosca nel petfood
  • Letame, rifiuti di ristorazione e altri rifiuti sono esplicitamente esclusi.

Queste restrizioni eliminano il rischio di contaminazione delle BSFL da prioni: particelle infettive di natura proteica.

I prioni non sono virus o microrganismi, perché privi di DNA.

In parole povere, si tratta di una proteina normalmente prodotta, in gergo biologico tradotta, che presenta una struttura diversa ed anomala da quella che dovrebbe avere.

I prioni sono causa di una serie di malattie tra cui l'encefalopatia spongiforme bovina (BSE, nota anche come "malattia della mucca pazza").

L’argomento prioni è abbastanza complesso e non è il caso di dilungarci troppo su questo. 

Se vuoi approfondire commenta pure questo articolo o mandaci una mail, saremo lieti di risponderti.

Una mosca nel petfood: mosca soldato vs mosca domestica.

La mosca soldato presenta caratteristiche molto interessanti anche per l’uso dell’insetto nella lotta biologica.

No, non ti sto parlando di armi di distruzione di massa.

Capita spesso che il gergo militare rubi i termini dall’ambito scientifico e ne stravolga completamente il significato.

Tra pochissimo ti sarà tutto più chiaro. 

Lo giuro!

Le mosche soldato colonizzano la stessa nicchia ecologica, della mosca domestica.

Con le parole nicchia ecologica, intendo la posizione di una specie in un dato ecosistema.

Il modo di vivere, il ruolo e le condizioni fisico-chimiche e biologiche che ne permettono l'esistenza in quel particolare ambiente.

Questo significa che se le larve di mosca soldato sono già presenti in un ecosistema, le larve di mosca comune non riusciranno a svilupparsi.

O meglio, dovranno fare molta più fatica per farlo.

Questo accade perché le larve di Hermetia e le larve di mosca domestica competono per le stesse risorse presenti nell’ecosistema.

Il vantaggio persiste anche in fase adulta.

La mosca comune adulta si nutre di liquidi organici come le feci umane ed é un vettore di contaminazioni batteriche.

La mosca soldato, invece, non si nutre. 

Ha solo bisogno di acqua, di conseguenza non può causare danni.

L’uso di alcuni insetti, quindi, come le larve di mosca soldato, per la produzione del cibo dedicato ai nostri pet è estremamente consigliato.

Ottime caratteristiche organolettiche e minimo impatto ambientale sono le caratteristiche sostanziali della mosca soldato.

Queste caratteristiche rendono il cibo per animali domestici, ottenuto con le larve di mosca soldato, utile per l’ambiente e salutare per il pet.

Un must per chi tiene all’ambiente e desidera comunque fornire cibo di qualità al proprio amico peloso.

In commercio c'è ne sono ancora pochi, ma cercando bene si trovano.

Se vuoi capire come scegliere il miglior petfood per il tuo cane, ti consiglio di leggere la grande guida di Giulia!

👉Come scegliere il miglior mangime per il tuo cane: la guida definitiva al caos del petfood✅

Un petfood realmente ecologico, è il petfood di domani.

Tu cosa ne pensi?

Fammelo sapere nei commenti!

Un saluto,

Roberto

P.S: Su richiesta, formuliamo diete personalizzate (casalinga cruda, casalinga cotta o diete miste) per cani e gatti che presentino anche uno o più Super Food al proprio interno.

Se vuoi saperne di più sui piani alimentari che offriamo, sui costi e come richiedere il servizio clicca su questo link: Piani alimentari.

Se invece vuoi chiedere direttamente una dieta per il tuo PET ti basta compilare il questionario che trovi a questo link: Dieta personalizzata ed effettuare il pagamento.

Info Roberto Raimondo

Biotecnologo esperto di nutrizione del cane e del gatto. Insieme ad altri professionisti ho fondato Kibble. Aiuto le persone a scegliere la migliore nutrizione possibile per il proprio animale domestico e le aziende a formulare petfood bilanciati per ogni fase della vita del cane e del gatto.

Interazioni del lettore

Commenti

  1. Domenico Savastano

    Per essere veramente ecologico le crocchette non dovrebbero contenere grasso di pollame e olio di salmone… non è pienamente sostenibile oltre a “contenere” sofferenza di altri animali senzienti…

  2. Mirko Zago

    Ciao Domenico,

    nella guida si fa riferimento ad un generale cibo per animali domestici a base di mosca soldato.

    Il grasso di pollame e olio di salmone sono ottime fonti naturali di omega-3, omega-6 e micronutrienti per i nostri animali. La formulazione di un mangime completo non può certo essere costituita solo da pochi ingredienti, altrimenti sarebbe di scarsa qualità, visto che poi tutti i nutrienti essenziali dovrebbero essere additivati.

    Riguardo alla sofferenza di altri animali senzienti, purtroppo le proteine sono il nutriente fondamentale per cani e gatti e le proteine di origine vegetale hanno un ridotto contenuto di amminoacidi essenziali, rispetto alle proteine animali. Per questo i mangimi che trovi in commercio senza carne sono sempre fortemente addizionati. La mosca soldato, quindi, consente di ottenere un cibo per pet completo ed ecologico perché ricca di amminoacidi essenziali, servono poche risorse naturali per il suo allevamento (poca acqua, poco cibo), che oltretutto provoca pochissime emissioni di gas serra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *